Cosa sapere sul bilancio condominiale: differenza tra preventivo e consuntivo.

il bilancio di condominio cosa devi sapere

Cosa sapere sul bilancio condominiale: differenza tra preventivo e consuntivo.

 

Il rendiconto condominiale, conosciuto anche come bilancio condominiale, è uno strumento fondamentale per la gestione del condominio. Ma quando parliamo di rendiconto condominiale conosciamo la differenza tra preventivo e consuntivo?

Esso infatti permette di avere una situazione precisa di tutte le entrate e uscite monetarie del condominio e quindi della sua situazione patrimoniale completa. Esso è regolamentato dalla normativa di cui all’art. 1130-bis del Codice Civile.

Nella sua redazione che ruolo ha l’amministratore di condominio? Che differenza c’è fra bilancio preventivo e bilancio consuntivo?

 

#facciamoilpunto

 

Il bilancio condominiale: differenze fra consuntivo e preventivo.
Come faccio a verificare la correttezza del bilancio condominiale?
Che ruolo ha l’amministratore nella redazione del bilancio di condominio?

 

Il bilancio condominiale: differenze fra consuntivo e preventivo.

Tutto su uno strumento fondamentale per la gestione del condominio.

Come abbiamo anticipato il bilancio di condominio è uno strumento fondamentale per la gestione dell’intero edificio e fornisce la possibilità di avere una situazione chiara e completa della situazione economico-finanziaria.

Quando parliamo di bilancio condominiale c’è da fare un’importante distinzione fra preventivo e consuntivo.

      Il bilancio condominiale

Il bilancio condominiale rappresenta una parte fondamentale nella gestione di un condominio. Esso permette a tutti i condomini di avere una visione chiara e precisa sulla gestione economica dell’edificio. A tale fine si rende necessaria l’elaborazione di due documenti opposti, ma collegati tra loro: il bilancio consuntivo e il bilancio preventivo.

      Il bilancio preventivo

Il bilancio preventivo è quel documento che viene osservato, modificato e successivamente approvato in sede assembleare basandosi su diverse variabili: bilancio consuntivo dell’esercizio precedente, spese di carattere straordinario deliberate in sede assembleare e variabili derivanti dal mercato (es. aumento costo del gas) e va a stimare tutte le spese che si ipotizza che il condominio dovrà andare ad affrontare. La sua utilità è quella di condividere la necessità di interventi che devono essere apportati al condominio e permette di capire il totale delle spese che i condomini dovranno sostenere. Una volte definite le spese queste andranno suddivise di conseguenza in maniera corretta fra tutti in base alle tabelle millesimali, generando così il riparto preventivo ovvero quel documento tramite il quale ciascun condomino potrà evincere la propria quota a carico per l’anno di gestione.

 

Per bilancio a consuntivo (o rendiconto condominiale) si intende invece il totale/riepilogo delle spese effettivamente sostenute dal condominio durante l’esercizio e rappresenta la situazione reale del patrimonio del condominio.

I costi e le spese sostenute dal condominio e inserite nel consuntivo devono essere tutte dettagliate e giustificate in modo preciso. Questo documento ha infatti la funzione di illustrare all’assemblea la gestione annuale del condominio in riferimento a quanto riscosso, alle spese sostenute ed anche a tutte le situazioni giuridiche, contabili e finanziarie inerenti al condominio.

È possibile che comparando preventivo e consuntivo il bilancio si verifichino degli scostamenti (in negativo o positivo). Questo può accadere perché nell’anno di esercizio le spese realmente sostenute (rispetto alle preventivate) vadano a variare in difetto o in eccesso. Questo accade per esempio nel caso di spese impreviste e/o relative a lavori non preventivati che portano il condominio a dover sostenere uscite extra.

Può accadere anche che il totale consuntivo sia inferiore a quanto preventivato, magari perché si è risparmiato sul costo del riscaldamento (grazie ad una flessione del prezzo del costo del gas) o magari perché i costi di gestione sono stati semplicemente inferiori rispetto agli anni precedenti.
In questo caso il condominio, e di conseguenza tutti i proprietari, ne trarranno un beneficio economico.

Tutti gli scostamenti devono comunque essere approvati in sede assembleare e l’eccesso o il difetto di spese sarà poi ripartito fra tutti i condomini in base alle tabelle millesimali, determinando così un saldo a conguaglio (a debito o a credito).

 

Cerchi un nuovo amministratore per il tuo condominio? Contattaci qui.

 

tutto quello che c'è da sapere su il bilancio di condominio

Come faccio a verificare la correttezza del bilancio condominiale?

Ecco gli strumenti per verificare il tuo bilancio condominiale.

Abbiamo visto che il rendiconto condominiale consta delle voci in entrata ed in uscita relative al condominio. Per poter controllare e verificare tali dati sono necessari altri strumenti come il registro di contabilità, il riepilogo finanziario e la nota sintetica ed esplicativa.

Nello specifico:

  • Il registro di contabilità è quel documento che va a registrare in modo trasparente e dettagliato tutte le operazioni finanziarie fatte dall’amministratore di condominio in nome e per conto del condominio stesso.
    Vengono registrate le entrate come, per esempio, il versamento delle spese condominiali pagate dai condomini o le spese in uscita così come i costi sostenuti per la manutenzione del condominio.
  • Il riepilogo finanziario: è quel documento che rappresenta lo stato patrimoniale del condominio.
    Il riepilogo finanziario include la situazione dettagliata di tutti i crediti e debiti del condominio ivi compresi eventuali fondi di riserva e/o disponibilità di cassa. Questo strumento permette di avere visione del bilancio complessivo e della capacità solvibile del condominio.
  • Nota sintetica ed esplicativa: è il documento che sintetizza e spiega i dati presenti nel registro di contabilità e nel riepilogo finanziario. Con la nota sintetica ed esplicativa l’amministratore va a fornire una chiara descrizione delle operazioni finanziarie che ha svolto aiutando in questo modo i condomini ad aver chiari i dati finanziari del condominio.

 

Sai che molte spese condominiali sono detraibili in fase di dichiarazione dei redditi? Leggi qui per saperne di più.

 

Che ruolo ha l’amministratore nella redazione del bilancio di condominio?

Anche nella redazione del bilancio condominiale il ruolo dell’amministrazione è importante.

Il ruolo dell’amministratore di condominio in tutto quello che abbiamo visto fino ad ora è fondamentale. Esso infatti garantisce la corretta e trasparente gestione economica dei condomini che amministra.

Deve infatti garantire la corretta gestione del bilancio condominiale e la tenuta dei libri contabili ed essere in grado di tracciare tutte le entrate e le uscite del condominio che poi va a dettagliare nel rendiconto condominiale.

La corretta redazione e gestione del bilancio condominiale, sia a livello preventivo che a livello consuntivo, è un aspetto fondamentale per il buon funzionamento del condominio.

 

La figura dell’amministratore, anche in questo caso, è fondamentale per una corretta e ottimale gestione del tuo condominio.

Se cerchi un partner che ti affianchi in un’ottica di massima professionalità ed ottimizzazione dei costi affidati al nostro studio.

Fissa un appuntamento senza impegno per conoscere la nostra struttura e tutto quello che potremmo fare per te.

Ci prendiamo cura dei nostri condomini.

Contattaci qui o scrivi a:

amministrazione@archdonzelli.it

tel. 02/69.00.02.79