Tutto sul montascale in condominio.

montascale in condominio

Tutto sul montascale in condominio.

Cosa è il montascale in condominio? Capita spesso di vedere installato negli ingressi dei condomini, dove sono presenti delle scale, il montascale o servoscala. Grazie a questo apparecchio si sono abbattute molte barriere architettoniche e permesso alle persone con ridotta capacità motoria di superare ostacoli e vivere in libertà il proprio accesso a casa.

Quali le regole per la sua installazione? Quali le differenza con il servoscala?

 

#facciamoilpunto

 

 

Che differenza c’è tra montascale e servoscala?

Chi può richiedere e chi paga l’installazione di un servoscala?

Quanto costa installare un servoscala o un montascale in condominio?

Quali sono le detrazioni fiscali previste per l’installazione di un montascale in condominio?

 

 

 

Che differenza c’è tra montascale e servoscala?

La differenza fra un montascale in condominio e un servoscala è basata sulle esigenze alla quali rispondono.

 

Il montascale è un apparecchio che serve a sollevare e trasportare una persona lungo una rampa di scale. La struttura è formata da una guida che lavora lungo la scala, o la parete della casa, alla quale viene installata una poltroncina cha sale e scende lungo la guida. Si può installare sia all’esterno che all’interno di case o condomini, sia su scale curve che su scale dritte.

Il montascale è dotato di un quadro di comando e anche di un telecomando per facilitarne l’uso. La sua funzione quindi è quella di favorire la mobilità anziani e disabili o di chiunque ne abbia necessità ed è una struttura altamente personalizzabile.

Il servoscala invece, è il termine corretto per indicare quello che comunemente conosciamo come montascale per disabili e quindi quell’apparecchio che, tramite la guida fissata alla scala o alla parete permette la salita o la discesa di una pedana o di una piattaforma. Sulla pedana o la piattaforma possono essere alloggiate a seconda della necessità una sedia a rotelle o una carrozzina.

Il montascale per disabili è una struttura versatile il che permette la sua installazione anche in piccoli spazi o su scale strette. È dotato di pedane richiudibili che ne riducono di molto l’ingombro.

Entrambe le strutture non necessitano di opere murarie e possono essere alimentati dalla normale presa di corrente casalinga o condominiale.

Quindi la differenza sostanziale fra i due tipi di apparecchiature sono le diverse esigenze alle quali rispondono. Ideale per le persone a ridotta capacità motoria ma ancora autosufficienti, il montascale con la poltroncina permette di spostarsi da un piano all’altro della casa in completa autonomia. In caso invece di persone a ridotta capacità motoria costrette su una sedia a rotelle, il servoscala permette comunque una mobilità autonoma o nella propria casa o nell’accesso alla propria abitazione.

 

 

Chi può richiedere e chi paga l’installazione di un servoscala?

Come viene regolata l’installazione di un montascale in condominio.

 

La richiesta dell’installazione di un montascale in condominio deve essere avanzata all’amministratore di condominio dal condomino disabile e/o a ridotta capacità motoria (o da chi ne esercita la tutela o podestà).

L’installazione di servoscala, o montascale per disabili, in condominio deve essere approvata dall’assemblea condominiale. È facoltà dell’assemblea di condominio non deliberare la spesa ma non può opporsi all’installazione del servoscala.

L’approvazione all’installazione deve essere deliberata dall’assemblea entro il termine di tre mesi dalla data della richiesta scritta. Nel caso di approvazione della maggioranza il costo per l’installazione del montascale sarà diviso fra tutti i condomini secondo i millesimi di proprietà. La maggioranza richiesta è pari a 500 millesimi.

Se solo una parte dei condomini è favorevole, la spesa dell’installazione della struttura verrà divisa fra il condomino disabile e i condomini favorevoli. In questo caso l’uso del montascale sarà esclusivo dei condomini che hanno partecipato alla spesa e che saranno muniti di chiavi.

Sia in caso di delibera assembleare unanime, sia parziale, il servoscala o montascale per disabili, e quindi le strutture atte ad eliminare le barriere architettoniche, non potranno in alcun modo pregiudicare la sicurezza o la stabilità dell’edificio, alterarne il decoro architettonico o inibendo l’uso di parti comuni anche ad uno solo dei condomini. Vedi art 1120 della riforma del condominio n. 220/2012.

 

 

Quanto costa installare un montascale in condominio?

I conti per l’installazione di un montascale in condominio sono variabili.

 

Il costo di installazione di un servoscala o montascale in condominio è estremamente variabile in quanto dipende dalle caratteristiche della struttura, dalla portata necessaria, dal numero o meno di curve che la guida dovrà avere e il numero di piani di scale che dovrà servire.

Possiamo indicativamente dire che il costo va da un minimo di 3.000 euro fino a 8.000/10.000 euro in media.

 

Quali sono le detrazioni fiscali previste per l’installazione di un montascale in condominio?

Lo Stato prevede delle agevolazioni per l’installazione di un montascale in condominio.

Fortunatamente, e giustamente, lo stato prevede dei bonus a favore dell’abbattimento delle barriere architettoniche in condominio, come da art.3, comma 3 della legge 104/1992.

Quindi, per un intervento come quello dell’installazione di un montascale, ai disabili gravi e ai familiari lo Stato riconosce un a detrazione Irpef pari al 50% fino ad un massimo di € 96.000. Detrazione che va ripartita in 10 anni e recuperata attraverso la dichiarazione dei redditi.

Gli interventi di rimozione delle barriere architettoniche sono riconosciuti sia se effettuati sulle singole unità abitative, sia in caso di interventi effettuati su parti comuni, come nel caso di un condominio e se effettuati entro il 31 dicembre 2024.

L’intervento di eliminazione delle barriere architettoniche è agevolato anche dal Superbonus110% ed è considerato un lavoro trainato.

 

La Legge di Bilancio 2022 prevede una nuova agevolazione.

È utile ricordare che con l’ultima legge di bilancio del 2022 – legge n. 234/2021 – per le spese sostenuto nell’arco del 2022 ha introdotto una nuova agevolazione fiscale a favore dell’eliminazione delle barriere architettoniche.

La nuova legge di bilancio prevede infatti una detrazione pari al 75% che va calcolata su una spesa massima che va dalle 30.000 euro alle 50.000 euro (in relazione al numero delle unità abitative dell’edificio). La detrazione potrà essere ripartita in 5 anni in fase di dichiarazione dei redditi come disciplinato dall’articolo 119 ter del DL n.34/2020.

 

Il contributo per l’abbattimento delle barriere architettoniche del Comune di Milano.

Anche il comune di Milano prevede delle agevolazioni per l’abbattimento delle barriere architettoniche a favore delle persona con disabilità effettuate in edifici privanti e quindi anche in condomini.
Il contributo a fondo perduto prevede il rimborso fino ad un massimo di € 7.101,28

Le richieste devono essere presentate entro il 1° di marzo di ogni anno, devono riguardare opere non ancora prodotte e la richiesta può essere inoltrata dalla persona interessata o da chi la tutela. L’esito delle richieste viene pubblicato entro 30 giorni dalla chiusura dei termini e pubblicate all’Albo Pretorio.

Le domande inoltrate devono rispondere a determinati requisiti che sono:

  • contenere una descrizione delle opere
  • indicare spesa con un dettagliato preventivo
  • presentare il certificato medico in carta libera (in originale) che attesti l’invalidità totale al 100%
  • indicare tutti i dati del soggetto avente diritto al contributo
  • elencare anche i dati dell’amministratore di condominio che deve controfirmare la domanda per adesione e sua conferma per le opere eseguite in condominio.

 

Se vuoi installare un montascale nel tuo condominio e cerchi un amministratore affidabile e preparato contattaci senza impegno. Risponderemo a tutte le tue domande.

Ci prediamo cura dei nostri condomini.