Tutto su uso e regole del giardino condominiale.

giardino condominiale regole

Tutto su uso e regole del giardino condominiale.

 

Un bel giardino condominiale è senza dubbio un elemento di valorizzazione dell’edificio.
Riqualifica gli spazi urbani e aumenta il valore di mercato dell’immobile. Si tratta di uno spazio comune per il cui uso e mantenimento sono previste regole ben precise.

 

#facciamoilpunto

 

Cosa si intende per giardino condominiale?
Cosa si può fare nel giardino condominiale?
Servitù di panorama e giardino condominiale.
Giardino condominiale: in che misura vengono ripartiti i costi di manutenzione?
I benefici fiscali per la manutenzione straordinaria del giardino condominiale.

 

 

Cosa si intende per giardino condominiale?

Vediamo quali aree verdi sono considerate condominiali.

Per avere la certezza di quali siano gli spazi considerati condominiali è necessario consultare quando previsto dal regolamento condominiale. Al suo interno infatti troveremo tutte le specifiche su quali spazi verdi sono condominiali e quali no.

Nel caso in cui all’interno del regolamento di condominio non ci sia indicazione in merito si attua il principio di condominialità. La condominialità di uno spazio deriva dalla funzione da esso svolta. Per quanto riguarda i giardini e le aree verdi questi sono considerati condominiali se danno luce a aria alle unità del condominio e se sono divisi dalla via pubblica.

 

Cosa si può fare nel giardino condominiale?

Come regolamentare le aree gioco e il parcheggio di biciclette all’interno degli spazi verdi condominiali.

La presenza di un giardino condominiale è senza dubbio non solo un fattore positivo dal punto di vista estetico. Il giardino condominiale può essere un luogo di relax e di svago per i condomini ed essere un’area gioco per i più piccoli.

Il rendere il giardino condominiale un’area di gioco e di svago per i bambini, con spazi e giochi a loro adatti è una decisione che deve essere definita in assemblea di condominio.
Stesso discorso per quanto riguarda l’adibire una parte del giardino condominiale a parcheggio delle biciclette.

Il destinare una parte del giardino condominiale come area giochi infatti non altera la destinazione d’uso della cosa comune e non provoca un impedimento dell’uso da parte degli altri condomini. L’articolo 1136 del Codice Civile disciplina infatti queste possibilità che, non riguardando cambi di destinazioni d’uso, possono essere deliberate direttamente dell’assemblea condominiale.

L’utilizzo del giardino come area giochi apporta sicuramente una miglioria al condominio che ha la possibilità di godere in modo più soddisfacente delle parti comuni. È possibile addirittura che un’area del giardino condominiale sia destinata al gioco del calcio con l’installazione di un’eventuale rete di recinzione o di porte necessarie allo svolgimento dell’attività sportiva.

Nel caso in cui l’installazione di queste opere avvenga a spese di un solo condominio glia altri possono acquisirne la comproprietà per accessione. Spetta comunque sempre all’assemblea di condominio deliberare, nel rispetto delle maggioranze richieste, per mantenere o rinnovare quanto i manufatti installati in quanto opere di modificazione della cosa comune al fine di migliorarne il suo stato e il suo utilizzo.

 

Attività legittime e non legittime all’interno del giardino condominiale.

Oltre ai giochi per i bambini o al parcheggio delle biciclette ci sono altre attività che sono legittime e che è possibile fare all0interno del giardino condominiale, a meno che queste non siano specificatamente vietate dal regolamento di condominio.

Trend degli ultimi tempi è l’utilizzo degli spazi verdi condominiali come orti con la creazione di orti urbani. Questo utilizzo non è vietato se non espressamente indicato nel regolamento condominiale. È comunque è sempre importante considerare quando stabilito dell’art. 1102 del Codice Civile secondo il quale ciascun condomino “può servirsi della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

Nel caso si voglia utilizzare un modo definitivo lo spazio verde del giardino condominiale come orto si potrebbe delineare una situazione di innovazione soggetta a quanto stabilito dal Codice Civile art. 1120.

 

rifacimento giardino in condominio
curare e valorizzare giardini condominiali
giardino condominiale regole
come curare il giardino in condominio
aree verdi in condominio
uso aree comuni alberi in condominio

 

Servitù di panorama e giardino condominiale.

Come gestire la presenza di alberi da fusto in condominio.

In alcuni giardini condomini può capitare che alcuni alberi siano piantati vicino agli stabili. La distanza prevista alla quale devono essere piantati gli alberi è di 3 metri per gli alberi di alto fusto e 1,5 mt per gli alberi non di alto fusto.

Nel caso in cui la presenza di uno o più alberi inibisca la veduta e la luce di una unità abitativa e quindi la “servitù di panorama” il condominio potrà richiedere la potatura della pianta facendo richiesta all’amministratore di condominio che verificato l’effettivo impedimento provvederà ad autorizzare l’intervento.

 

Giardino condominiale: in che misura vengono ripartiti i costi di manutenzione?

I costi per la manutenzione delle aree verdi in condominio vengono ripartite come tutte le altre spese comuni e quindi in base ai millesimi di proprietà.

La manutenzione ordinaria del giardino condominiale è in genere affidata ad un giardiniere che si occuperà della potatura, dell’irrigazione, dello sfalciamento, della rimozione delle foglie e della pulizia del verde condominiale.

Per quanto concerne invece le spese straordinarie, queste devono essere deliberate dall’assemblea di condominio che le dovrà approvare con una maggioranza di almeno 500 millesimi condominiali. Sono considerati interventi di manutenzione straordinarie quegli interventi che ne vanno a cambiare l’architettura strutturale dell’area verde quali gli innesti di nuove piante o la creazione di un’area gioco per bambini.

L’amministratore da facoltà di autorizzare lavori di natura straordinaria nel caso in cui questi abbiano caratteri di urgenza come per esempio la potatura o la rimozione d parti di piante pericolanti che possano ledere alla sicurezza altrui. Lo stesso ne dovrà poi riferire in fase di assemblea condominiale.

La differenza fra la manutenzione ordinaria e la manutenzione straordinaria è aspetto importante per quanto riguarda la ripartizione delle spese tra locatore e conduttore.
il conduttore è infatti tenuto a partecipare alle spese di manutenzione ordinare mentre sono a carico del locatore gli interventi di natura straordinaria.

 

I benefici fiscali per la manutenzione straordinaria del giardino condominiale.

Contributi da parte dello stato per la riqualificazione delle aree verdi condominiali.

È importante ricordare che per interventi di natura straordinaria, volti alla sistemazione delle aree verdi, come la realizzazione di giardini pensili, recinzioni, impianti di irrigazione etc. è possibile usufruire del bonus verde o bonus giardini.

Il bonus spetta per gli interventi svolti delle parti comuni fino ad un massimo di euro 5.000 per singola unità abitativa.

Per poter usufruire del “bonus verde”, i pagamenti tracciati ed eseguiti:

  • Con assegni bancari, postali o circolari non trasferibili
  • Con carte di credito, bancomat, bonifici.

Non è obbligatorio il pagamento con il bonifico dedicato alle detrazioni. La detrazione verrà ripartita in fase di dichiarazione dei redditi in 10 rate annuali di pari importo, senza avere la possibilità di cedere il credito.  

 

Nelle foto che vedete vi mostriamo uno dei lavori di riqualificazione degli spazi verdi in uno dei condomini di nostra gestione.
Se avete bisogno di riorganizzare e migliore le aree verdi del vostro condominio contattateci senza impegno. Valuteremo insieme possibilità e costi al fine di svolgere il miglior lavoro possibile.

Ci prendiamo cura dei nostri condomini.

Studio Donzelli Criscuoli

 

cortile condominiale
piante nel cortile del condominio regole

riqualificazione giardino in condominio

piante in condominio
gestione piante giardiniere condominio