INSTALLARE UN CONDIZIONATORE IN CONDOMINIO

installare condizionatore condominio

INSTALLARE UN CONDIZIONATORE IN CONDOMINIO

 

La stagione calda è ormai arrivata e sicuramente la presenza di un condizionatore per raffrescare la casa è la soluzione ideale. Se vuoi installare un condizionatore sul balcone del tuo condominio devi sapere che devi rispettare delle regole. Ecco quali sono.

#facciamoilpunto

 

Prima di procedere ad installare un condizionatore in condominio è necessario darne comunicazione all’amministratore.

E’ obbligatorio tutelare l’estetica della facciata del palazzo.

Come installare un condizionatore in condominio e le distanze minime da rispettare.

Condizionatore sul balcone. Cosa fare in caso di rumori e sicurezza.

Cosa prevedono le regole comunali in materia di installazione di un condizionatore in condominio?

I consumi elettrici del condizionatore.

Il Bonus condizionatori.

 

 

Prima di procedere ad installare un condizionatore in condominio è necessario darne comunicazione all’amministratore.

Come tutti i lavori svolti all’interno di un appartamento, e quindi anche per installare un condizionatore in condominio, bisogna darne comunicazione all’amministratore di condominio.

La prima cosa da fare quando si vuole installare un condizionatore è darne comunicazione all’amministratore di condominio e verificare quanto prevede il regolamento condominiale.

In alcuni casi infatti sono previste delle regole per quanto riguarda il suo posizionamento come per esempio l’obbligo di verniciare l’unità esterna dello stesso colore della facciata o il divieto di installarlo sulla facciata principale del condominio. L’obiettivo è quello di rispettare l’estetica della facciata del palazzo.

 

E’ obbligatorio tutelare l’estetica della facciata del palazzo.

Quando si va ad installare un condizionatore in condominio non si può non tenere conto dell’aspetto architettonico dell’edifico.

Come anticipato se si ha intenzione di installare un condizionatore in condominio è obbligatorio rispettare delle regole che tutelino l’estetica della facciata del palazzo. Questo è l’unico punto che se non rispettato può dare diritto all’assemblea condominiale di vietarne l’installazione. Nel caso vi fossero delle contestazioni dovrà essere nominato un perito esterno che dovrà verificare il posizionamento dell’unità e esterna e decidere o meno se questa va a ledere la bellezza della facciata.

E’ data la possibilità di installare il condizionatore non solo sul balcone ma anche sulla parete dell’edificio secondo quanto previsto da codice civile. Questo stabilisce infatti anche se la facciata è di proprietà di tutti chiunque può utilizzarla purché ciò non impedisca agli altri condomini di fare lo stesso.

 

Come installare un condizionatore in condominio e le distanze minime da rispettare.

Ecco le regole da seguire per un’installazione a norma.

Quando si va ad installare un condizionatore è necessario rispettare delle distanze e delle regole di posizionamento del motore esterno.

Queste cambiano anche a seconda del tipo di balcone presente in condominio. Nell’ipotesi in cui infatti si voglia installare una unità esterna sotto balcone del condomino sovrastante le caratteristiche del balcone fanno la differenza.

Nel caso di balconi incassati che non sporgono quindi dalla facciata dell’edificio, e rimangono all’interno del perimetro, la proprietà è considerata divisa in due e quindi in questo caso non è necessario richiedere autorizzazione al vicino che abita sopra.
Nel caso invece di balconi aggettanti qui la proprietà dello stesso è esclusiva e ed è necessario richiedere il permesso al vicino del piano di sopra.

E’ inoltre necessario anche rispettare le distanze minime delle vedute. Il codice civile stabilisce infatti che l’unità esterna debba essere installata sotto la soglia delle finestre o del balcone del piano superiore. Questo per evitare di limitare la visibilità ai condomini.

Se l’unità esterna viene appoggiata su un muro dove sono presenti vedute dirette od oblique, l’unità deve essere posizionata almeno tre metri sopra la soglia delle finestre.

I tubi dovranno rispettare invece la distanza di almeno un metro, così come previsto dell’articolo 889 del codice civile.

studio donzelli installare un condizionatore
regole per installare condizionatore

Condizionatore sul balcone. Cosa fare in caso di rumori e in termini di sicurezza.

Sicurezza e rumorosità sono due importanti aspetti da considerare quando si intende installare un condizionatore in condominio.

Resta inteso che l’installazione di un impianto di condizionamento debba essere sempre fatta da operatori competenti che lo installeranno secondo le regole di sicurezza previste.

Anche a livello di rumore è però necessario rispettare delle regole. Un condizionatore che emette un rumore eccessivo può essere contestato e ne può essere richiesta la rimozione con relativo risarcimento dei danni.

La legge prevede infatti che le emissioni acustiche debbano rispettare delle soglie di tollerabilità. Eventuali violazioni dovranno essere certificate a seguito di un esame fonometrico che terrà conto di diversi aspetti quali anche il rumore proveniente dalla strada per esempio.

E’ bene sapere che la certificazione del produttore che attesta che la macchina rispetti i limiti previsti dalla legge per i rumori non vuol dire che rispetti quanto previsto dal codice civile in quanto si tratta di due cose distinte. La Cassazione ha infatti stabilito che il rispetto dei limiti di legge debba essere sempre considerato in relazione alla situazione ambientale specifica che varia da luogo a luogo e non può prescindere dalla rumorosità di fondo dell’ambiente.

 

Cosa prevedono le regole comunali in materia di installazione di un condizionatore in condominio?

Da considerare non solo le regole condominiali ma anche quando previsto dalle disposizioni comunali in termini di installazione di condizionatori.

Altro importante aspetto da tenere in considerazione quando si ha intenzione di installare un condizionatore in condominio è la verifica di quanto previsto dalle regole comunali. Ogni comune infatti stabilisce distanze precise relativamente al suo posizionamento e conformità e autorizzazioni.

Le restrizioni riguardano prevalentemente gli edifici dei centri storici per i quali è necessaria salvaguardare la bellezza architettonica. Nel caso in cui ci siano divieti o vincoli particolari si opta per i condizionatori monoblocco di più facile installazione in quanto è richiesto solo un piccolo foro verso l’esterno per permettere lo scarico dell’aria calda.

 

I consumi elettrici del condizionatore.

Ecco qualche consiglio per risparmiare soldi e non nuocere alla salute.

L’uso del condizionatore è bene sia fatto secondo dei criteri che permettono una migliore condizione interna e un minore dispendio di energia. Ecco qualche consiglio:

– non creare troppo differenza fra la temperatura interna e quella esterna,  onde evitare eccessivi sbalzi di temperature e quindi malanni
– utilizzare il condizionatore a finestre chiuse così da evitare dispersioni di refrigerio e quindi spreco di energia
– scegliere un condizionatore ad alta efficienza energetica
– effettuare periodicamente la pulizia dei filtri al fine di migliorare il rendimento della macchina e la qualità dell’aria respirata

 

Bonus condizionatori.

Ecco i sostegni previsti dal governo per l’installazione di un condizionatore.

E’ stato confermato un bonus per l’installazione di un impianto di condizionamento all’interno della Legge di Bilancio. E’ possibile usufruire di una detrazione si nel caso del Bonus Mobili sia nel caso del Bonus Ristrutturazione. Ecco qui i dettagli.

 

Hai dubbi per l’installazione di un condizionatore nel tuo condominio? Chiedi sempra al tuo amministratore di condominio per qualsiasi dubbio!

 

Ne cerchi uno valido? Contattaci senza impegno per un appuntamento conoscitivo.

Scrivici tramite il nostro form contatti

oppure alla mail: amministrazione@archdonzelli.it o telefonaci allo 02/69.00.09.79

#iltuoamministratoredicondominio